Tag

, , , , , , , , ,

Paradiso amaro è un libro  che mi ha piacevolmente colpita. Quando ve ne avevo parlato nell’ anteprima , avevo già evidenziato alcuni dei punti che mi avevano attratta: adesso, dopo la lettura, posso consapevolmente rendervi partecipi della mia opinione.

Non è un libro facile, almeno psicologicamente. E’ un libro di sentimenti forti, che parla di sentimenti altrettanto forti. Matt Kings, il protagonista, vive alle Hawaii, ha una moglie e due figlie: il ritratto della felicità, insomma. Si potrebbe immaginare qualcosa di più esaltante che avere una famiglia, esser ricchi e vivere alle Hawaii? No, la vita di Matt è il Paradiso.

Qualcosa però si incrina: Joanie, la moglie, ha un incidente ed entra in coma. Tutto comincia a rotolare e ad andar male: Matt non ha mai fatto realmente il padre e si accorge che non è poi così facile come sembra. Con una parabola discendente,il protagonista si trova a vivere il suo fallimento come padre, come uomo e come marito. Già, perché cosa c’è di peggio del capire che non conosci le tue figlie e dell’apprendere che tua moglie – ormai immobile su un letto d’ospedale- in realtà ti tradiva? Le Hawaii non sono più un Paradiso, ma lasciano in bocca un gusto amaro.

Un libro spiazzante, che usa l’ironia per descrivere la tragedia. Un titolo ossimorico, ma che riassume mirabilmente la trama. Una penna femminile che parla di un amore al maschile. I presupposti per un buona lettura  ci sono tutti.

Forse non è il libro del secolo, ma è certamente una lettura da fare. Un pugno nello stomaco.

Annunci