Tag

, , , , , , , ,

Torniamo a parlare sulle nostre pagine di Chiara Sorrentino, giovanissima autrice modenese, e del suo libro/saggio “Fenomenologia del Gossip”.  Dal momento che alcuni lettori ci hanno chiesto di approfondire l’argomento, oggi vi illustreremo meglio il contenuto dell’opera, sperando di soddisfare le vostre curiosità e/o di fornirvi dei buoni motivi per leggerlo.

“Fenomenologia del Gossip” fa parte di una collana di saggi pubblicata da Il Foglio Editore e diretta da Rosa Manauzzi, cui si deve – tra l’altro- anche la prefazione del libro. L’analisi del fenomeno del gossip prende le mosse da basi scientifiche: si parte dagli studi a riguardo di Allport, Postman, Morin e Kapferer sino ad arrivare alle riflessioni più recenti di Rossana Conte. Il pettegolezzo viene esaminato in ogni suo aspetto: il fine del saggio è cercare di capire perché – in un’epoca dominata dalla razionalità e dalla scienza come la nostra- l’uomo si senta sempre così inevitabilmente attratto dal gossip. Insomma, il pettegolezzo sì come virus di cui tutti siamo potenzialmente portatori, ma anche come strumento di coesione sociale.

Inoltre sapevate forse che esistono diversi tipi di dicerie? Interpretanti, sulle contaminazioni, rosa e filantropiche, allarmistiche … verrete catapultati in un vero e proprio viaggio alla scoperta delle pieghe più nascoste del fenomeno.  E Chiara Sorrentino vi farà da guida anche sui modi di diffusione del gossip nell’era del Web 2.0: finiti i pettegolezzi da salotto, si è entrati adesso in un’epoca in cui i blog, le testate online e i social network rendono più facile e fluido il passaggio di notizie.

Ampio spazio viene dedicato ad alcuni personaggi famosi e alle dicerie che li riguardano: la leggenda PID (Paul is Dead) riferita alla presunta morte di Paul McCartney o, ancora, Jim Morrison, Elvis Presley, James Dean.

E voi… ci credete o no?

Nelle immagini: in alto il volantino promozionale di “Fenomenologia del Gossip”; in basso Chiara Sorrentino, l’autrice del saggio, con il suo libro.

Annunci