Tag

, , , , , , , , , , , ,

Anche per il 2011 il Lucca Comics&Games ha chiuso i battenti tra il gran rammarico degli aficionados e la gran gioia delle loro risorse economiche. La fiera, svoltasi per le vie del centro (come ormai consuetudine da 6 anni), ha registrato 155000 visitatori: insomma, pare proprio che della crisi generalizzata, il mondo del fumetto e dei giochi di ruolo proprio non ne risenta.

50000 accessi sono stati registrati nella sola giornata di domenica e… indovinate un po’ quando noi di Corrispondenze siamo andate alla fiera? Ma domenica, naturalmente!

Nonostante la folla biblica e la difficoltà di avvicinarsi ad alcuni stand, siamo riuscite comunque (only the brave) a visitare tutti i padiglioni, a portarci a casa qualcosa di interessante (ma questa è un’altra storia/un altro post) e – soprattutto – a incontrare Paola Boni, autrice di una selle saghe fantasy più vendute d’Italia… stiamo parlando ovviamente di Amon! Dato il caso editoriale scatenatosi, la Casini (casa editrice della Saga di Amon) ha pensato bene di dedicare un intero giorno al mondo di Amon e alla presentazione dei prodotti ad esso correlati (libri, manga, gdr).

Venticinquenne, sorridente e spontanea, Paola Boni ha gentilmente risposto alle nostre domande, confessando, tra l’altro, di far collezione di armi bianche (“ho iniziato con un pugnale elfico che mi è stato regalato. Si, si! Proprio come quello di Legolas”) e di pinguini.

Ciao Paola, innanzitutto complimenti per il successo di pubblico riscosso dall’Amon Day. Ci puoi raccontare com’è nato il progetto e quali sono le tue reazioni?

Il progetto dell’Amon Day è nato per presentare in un ambiente come il Lucca Comics tutti i vari prodotti legati alla saga: il manga, il gdr, il gioco di carte, il box con il romanzo “Amon Eclipse”. Per quanto mi riguarda ammetto di essere molto emozionata: ogni nuova uscita, anche quella dei romanzi, è per me un’emozione fortissima. Ammetto che spesso mi son commossa.

2.Per l’appunto è entrato a far parte del mondo di Amon anche un manga. Sappiamo che tu hai frequentato la Scuola Internazionale del Fumetto di Roma. Ci puoi dire se esiste e quanto è importante nel fantasy la il rapporto tra letteratura e fumetto/immagine?

Ci può essere un rapporto perché il fantasy è qualcosa di molto attivo. Molto spesso i lettori, parlo anche come libraia, scelgono i romanzi in base alla copertina, quindi si rifanno molto alle immagini. Penso che un romanzo fantasy sia molto legato alle immagini, quindi una collaborazione è importante e anche utile a quello che è lo sviluppo del genere in Italia.

3. Parliamo adesso della tua esperienza come libraia. Forse non tutti sanno che hai una libreria specializzata in fantasy e horror, “il Lupo Rosso”. Quanto ti è stata utile questa esperienza e in che misura ti ha aiutata a capire i gusti dei lettori?

 E’ stata importante sia dal punto di vista della conoscenza dei libri, sia per la familiarità con i gusti dei lettori. In quanto libraia, tendo a leggere molto (un libro a settimana come minimo), proprio perché mi sento in dovere di consigliare, di conoscere in modo da orientarmi e questo mi ha portato anche a entrare in contatto con nuovi autori e a confrontarmi con diversi stili di scrittura e a migliorare inevitabilmente il mio.

4. Durante la presentazione del manga, hai detto che non hai un libro preferito, ma che sei legata “a tutti i libri che ti emozionano”. Ecco, potresti sbilanciarti e dirci qualche autore/libro che ti ha emozionata? Quali sono i tuoi riferimenti culturali? Hanno influenzato il tuo stile?

Mi sono accostata al fantasy proprio con “Il Signore degli Anelli”: è stato assolutamente il mio primo amore. Poi mi sono avvicinata anche a tipi di letterature diverse, mi riferisco ad esempio a Laurell Hamilton e alla sua saga di Anita Blake; o ancora ad Anne Rice, con le sue cronache dei vampiri. Penso che sia stata soprattutto Laurell Hamilton a ispirarmi e influenzarmi nello stile.

5.Infine puoi dare ai nostri lettori qualche anticipazione sul mondo di Amon e sui tuoi progetti futuri?

Con Amon adesso sto lavorando alla stesura del terzo volume che uscirà a Maggio 2012, è prevista poi l’uscita del secondo volume del manga. Per quanto riguarda i progetti a parte, sto lavorando ad una nuova edizione del mio primissimo romanzo (un paranormal romance sui vampiri) e spero di poterlo pubblicare al più presto. In più vorrei provare a scrivere un romanzo tratto da un mio racconto, “L’odio dell’Angelo”, pubblicato su un’Antologia per  le Edizioni della Sera. Insomma, ho parecchi progetti.

E noi, cara Paola, non possiamo far altro che augurarti il meglio e sperare che questi tuoi progetti vadano presto in porto.

Un ringraziamento a Paola Boni per la gentilezza e alla Casini Editore per la disponibilità; a Fabio per la pazienza e lo scatto e a Giovanni per avermi fatto scoprire il mondo di Amon.

Annunci